ANFFAS di Pavia - Casa Satellite

ANFFAS PAVIA - Domotica applicata alla Casa Satellite per giovani con disabilita' medio-lieve - Domoti-Care

ANFFAS Pavia Onlus attraverso la Casa Satellite offre un innovativo servizio di casa-scuola per preparare giovani con disabilità medio-lieve ad una maggiore autonomia, anche in ottica del cosiddetto 'dopo di noi'. Al fine di far crescere il sistema domotico preesistente abbiamo realizzato un progetto che grazie alla domotica:

1. incrementa il livello di sicurezza fisica ed ambientale, fondamentali in un contesto protetto;

2. incoraggia l'uso delle abilità degli ospiti e ne stimola l'autonomia;

3. sopperisce alle inabilità in maniera discreta e con intento educativo;

4. potenzia l'offerta di servizi a supporto delle attività del personale specializzato.

La soluzione è basata su protocollo KNX® che originariamente implementava la gestione dell'illuminazione.

La sicurezza ambientale è garantita da una centrale antintrusione a bus completa di tastiera, inseritori per semplificare le operazioni di attivazione e disarmo, sirene d'allarme, linea telefonica GSM ad uso backup e per la comunicazione di allarmi oltre che per la telegestione, interfaccia LAN per assistenza remota, contatti magnetici perimetrali su porte e finestre, rilevatori in doppia e tripla tecnologia da interno ed esterno.

Anche la sicurezza fisica degli occupanti è gestita tramite centrale d'allarme che monitora l'eventuale allagamento di bagni e cucina, le fughe di gas e la presenza di monossido di carbonio, interviene chiudendo le eletrovalvole e segnala l'emergenza agli operatori tramite SMS o telefonata.

Per prevenire situazioni di allagamento non dovute a guasti all'impianto, attraverso dei flussostati si rilevano rubinetti e docce dimenticati aperti.

Un gruppo di continuità, dispositivi di gestione dei carichi elettrici e salvavita a riarmo automatico proteggono dai rischi di blackout, garantiscono l'operatività dell'impianto e l'accessibilità da remoto degli operatori riducendo il rischio che insorgano situazioni di panico.

Un sistema di videosorveglianza costituito da telecamere IP e registratore di rete monitora in modo discreto e nel rispetto della privacy le attività degli occupanti consentendo, in caso di necessità, l'intervento tempestivo degli operatori.

L'impianto videocitofonico è basato su protocollo IP e prevede una postazione esterna ed una interna che funge anche da terminale di SOS collegato con gli assistenti in remoto.

Tutti i dispositivi e la domotica KNX® sono controllabili via internet dagli operatori abilitati attraverso la Supervisione Domoti-Care che mette a disposizione tutte le funzioni necessarie a gestire la struttura dal punto di vista impiantistico e della sicurezza. Gli operatori possono verificare lo stato della centrale antintrusione e dei dispositivi per la rilevazione degli allarmi tecnici intervenendo anche da remoto via PC, tablet o smartphone per armare e disarmare l'antifurto, inserire o escludere zone, verificare la chiusura dell'elettrovalvola dell'acqua in caso di allagamento, spegnere una luce dimenticata accesa, verificare che una finestra è rimasta aperta, ecc. Inoltre email, SMS, icone sul pannello di controllo grafico li informano o allertano a seconda dell'urgenza dell'evento da notificare.

Gli ospiti della struttura interagiscono con la domotica in modo trasparente e nella modalità specificata dagli educatori. Ad esempio, alcune attività o momenti della giornata come quello della doccia vengono scanditi da intermezzi musicali gestiti da HSYCO, in altri casi messaggi vocali liberamente personalizzabili diffusi negli ambienti segnalano azioni o comportamenti corretti o sbagliati, ecc.

Attraverso la nostra piattaforma gli operatori sono immediatamente avvisati quando qualcuno suona al citofono: SMS ed una email contenente le immagini registrate dalla videocamera esterna allertano i destinatari affinché possano eventualmente consentire l'ingresso.

Le soluzioni adottate forniscono agli operatori in tempo reale tutti gli elementi necessari a valutare correttamente la situazione e a mettersi in contatto con gli ospiti minimizzando i tempi d'intervento, limitando le situazioni di pericolo e la necessità di recarsi sul posto, specialmente in caso di falsi allarmi.